Tirana, kryeqyteti i Shqiperise

A febbraio 2012 il Rotaract Club Visconteo ha incontrato il Rotaract di Tirana presso l'Hotel Sheraton nella capitale albanese. Tutto è nato da un viaggio organizzato con il nostro contatto albanese, Arbi Shehu, geologo ed esperto di GIS per una multinazionale del settore estrattivo.

All'arrivo all'aeroporto internazionale di Tirana ho incontrato vento caldo e palme che abbellivano le strade. I miei amici sono venuti a prendermi con una jeep all'aeroporto e ci siamo subito immessi nel caotico traffico verso il centro città.

Ci siamo fermati a mangiare un po'di pollo e polpette di carne con yogurt, patate e birra. 

Ho trovato alloggio in un hotel a gestione familiare in centro, vicino al fiume Lana e non lontano dal BLOC, l'area proibita durante la dittatura. Oggi è una zona residenziale di altissimo livello dove quasi ogni villa è stata trasformata in una discoteca, pub o ristorante italiano.

La vita notturna al bloc è da provare, si beve e si mangia bene, l'unico neo è che si fuma ancora nei locali. C'è addirittura una birreria in cui si acquista da bere seguendo l'andamento dei prezzi delle bevande su uno schermo, come a Piazza Affari. In alcuni momenti può essere più conveniente che in altri ordinare da bere !

Durante la visita con i Rotaractiani ho visto l'Università di Tirana, ho mangiato in un locale al Bloc che si chiama Radio, arredato con decine di radio anni '60 e sono stato ad una riunione presso lo Sheraton.

La cosa che più mi ha colpito è statala vista della città dell'alto, sia dalla SkyTower, sede delle multinazionali albanesi, sia dal tetto dell'hotel Intercontinental in piazza Skanderberg.

Il Paese sta crescendo lentamente dopo i problemi economici del 1997 e ho trovato le persone molto calde e accoglienti. Spesso si mangia e si beve in compagnia e il tempo è volato. La terra delle aquile, nome originale dell'Albania, è racchiusa in poche centinaia di km, divisa dal resto dei Balcani dalle montagne.

La zona costiera negli ultimi anni è diventata un'importante meta di turismo, con spiagge di sabbia a nord fino a Durazzo, mentre verso sud c'è la perla Saranda, che conserva il fascino del mare trovato in Grecia.

Da visitare nel Paese anche i numerosi Castelli (circa 55) e le città patrimonio del'Unesco Berat e Gjirokaster (Argirocastro).

Al ritorno in Italia mi sono promesso che in futuro ci sarà un service a favore del sistema di istruzione pubblico albanese.

 

Pubblicato in Senza categoria